Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Taranto Vecchia

Alla Marina sono stese ad asciugare le reti,

due pescatori dal volto scarno e mal rasato

riparano le nasse e, fra lunghi silenzi, parlano

di nuvole e calamari, di luna e basse maree.

 

Rapido il tramonto cambia i colori del cielo,

la luce sfuma in ombre incerte, fra le case

il mare si insinua con le sue liquide dita;

i vicoli esaltano il profumo di salsedine.

 

Scorre il traffico verso il Ponte di Pietra;

nella piazza l’antico orologio della torretta

è fermo sempre alla stessa ora, ingannando

chi guarda con un’illusione di eternità.

Pietro Ragni

Leggi altre poesie:

Un paese diverso – Інша країна

Ancora ieri avevamo una vita... Il consueto cielo ucraino, Caffè, pensieri semplici sull’avvenire, Litigi familiari, salici in primavera...   Invece oggi sembra il deliquio... Lo stesso cielo ucraino, Ma non esiste più la vita di prima, Sono già altri...

Dualità

Non tutte le variabili sono note, interferenze distruttive cancellano presunte certezze, inganni della mente. Non possiamo sapere come evolverà il domani, neppure riusciamo a capire come si concluderà questa giornata; le soluzioni variano e si confondono. Impariamo a...

Chi?

Chi pronuncia le parole ripetute dell’eco, chi sceglie, sempre diverse, le scie dei tramonti, chi gioca con i miei sentimenti in altalena, chi agita l’acqua del mare finché l’onda nasce?

Giorni di pandemia

Da anni sono un po’ invidioso dei miei sogni colorati e realistici. Mi piacerebbe sapere quale cellula o processo chimico riesce a fare la regia di storie complesse e ingarbugliate, a volte credibili, altre fantasiose e sfumate, spesso collegate a viaggi già fatti o...

Apprendere e comprendere

Nulla è facile, nulla scontato, ma il gioco della vita merita di essere giocato giorno per giorno, ora per ora; dimenticando gli ostacoli e le sconfitte che hanno fatto penare, concentrando la mente sul costruire il domani. Bisogna essere curiosi di apprendere e...

“KIRILL” (Il fiore strappato)

Piange Kirill la mamma Ucraina le bombe hanno falciato Il fiore di una piccola contadina ha solo 18 mesi la creatura innocente che lei non potrà più accarezzare nel villaggio sempre più rovente Un massacro per un pugno di terra È senza fine questa guerra Sparano...

Condividi!

Condividi questo articolo!