Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Ode per l’Ucraina

Il Dnepr è imbrattato dal rosso

del sangue fino alla foce lontana;

le eleganti ragazze di Kiev

hanno lasciato tacchi a spillo

e trousse, ora imbracciano un’arma

automatica, senza perdere di grazia;

nella piazza Maidan non più gente

e clacson, ma posti di blocco,

sacchi di sabbia e cavalli di frisia.

 

Il sogno passava davanti alla finestra;

ora ci sono, a tutte le ore, cupi rombi

nel cielo e boati nelle strade e sui palazzi

sventrati: distruzioni e tanti cadaveri

nel luogo sul confine diventato macerie.

Non si ascoltano fiabe per i bambini

o serene chiacchiere sul futuro ai bar,

ma lugubri, insistenti sirene di allarme

che tagliano il fiato e predicono morte.

 

Ma tornerà ad essere limpido il cielo

ed a brillare il grano nei campi dorati;

tornerà ad echeggiare la voce soffusa

di Taras, finalmente libero dalla prigione.

Via questi invasori ingannati dai loro capi,

via le bombe e gli incendi ed il dolore,

basta la fuga verso l’ignoto e l’angoscia.

Ucraina rinascerà, nuova fenice d’Europa,

testimonianza della speranza di noi tutti.

 

NOTA: Il primo verso della seconda strofa riecheggia una famosa canzone ucraina; “luogo sul confine” per molti è il significato etimologico di Ucraina. Taras si riferisce al famoso poeta Taras Shevchenko fu poeta, scrittore, politico vissuto nella prima metà dell’800, fu soprannominato “bardo” dai suoi compatrioti, considerato il fondatore della letteratura moderna ucraina, poiché si era espresso critico nei confronti dello zar e favorevole all’indipendenza dell’Ucraina, fu a lungo imprigionato e poi mandato in esilio, dove morì. Il colore giallo e blu della bandiera è ispirato ai colori brillanti di cielo e campi di grano ucraini.

Pietro Ragni

Pietro Ragni

Leggi altre poesie:

Schegge poetiche da Kiev

SCRIVO SEMPRE MENO… Scrivo sempre meno, cancello più spesso Evitando di mettere una drastica fine. Mi sgretolo dentro, il motivo è questo, Che il mio dolore è un verbo maschile. Interrompo il grido, incapace di piangere, Il mio corpo è solcato come roccia dal vento,...

Sonni e sogni

Dormono le grandi catene dei monti, gli strapiombi e le vallate, gli inariditi letti dei torrenti; non dormo io con il cuore in fiamme, trattengo il respiro, silenzioso nei tormenti.   Riposano stambecchi e daini appoggiati alle rocce, i serpenti avvolti sul ramo...

Non è mattino

Manca poco all’alba, piccole formiche vanno affannate fra scaglie di fango e foglie riarse; la carezza del vento le ostacola, senza turbare il silenzio profondo di cui si nutrono fili d’erba e alberi.   L’azzurro compare finalmente ed impallidisce le stelle; in...

Un paese diverso – Інша країна

Ancora ieri avevamo una vita... Il consueto cielo ucraino, Caffè, pensieri semplici sull’avvenire, Litigi familiari, salici in primavera...   Invece oggi sembra il deliquio... Lo stesso cielo ucraino, Ma non esiste più la vita di prima, Sono già altri...

Dualità

Non tutte le variabili sono note, interferenze distruttive cancellano presunte certezze, inganni della mente. Non possiamo sapere come evolverà il domani, neppure riusciamo a capire come si concluderà questa giornata; le soluzioni variano e si confondono. Impariamo a...

Chi?

Chi pronuncia le parole ripetute dell’eco, chi sceglie, sempre diverse, le scie dei tramonti, chi gioca con i miei sentimenti in altalena, chi agita l’acqua del mare finché l’onda nasce?

Condividi!

Condividi questo articolo!