Fotografie di Vincenzo Marroccoli, in arte Monzino

Pubblichiamo le fotografie di Vincenzo Marroccoli, in arte Monzino. Ecco una breve presentazione dell’artista e delle sue opere.

Il fotografo ti ruba l’anima? Certo. Un artista vede cose di te che sai, ma anche quelle che non sai. Soprattutto, offre un’immagine di te significativa per chi guarda, al di là delle intenzioni.

Come ogni opera d’arte, una fotografia d’autore va nel mondo e irradia il proprio mistero, interpretato in modo diverso da ciascuno di coloro che la guardino.

C’è lo sguardo affrettato: vedrà solo il bellissimo ritratto di Giorgio Faletti o di Castiglioni, Maroni. C’è lo sguardo attento, di chi magari non vorrebbe mai che gli rubassero l’anima, ed è contento che Monzino lo abbia fatto ad altri.

Proviamo a ingrandire la foto: guardiamo un occhio di Faletti, che ci guarda dritto, poi l’altro, poi tutti e due. Ogni occhio esprime un sentimento diverso. Ci dice tanto di lui: io ci sono, vi guardo, sono diverso da quello che pensate. Forse presagiva la malattia o la fine.

Maroni: l’intuizione di Monzino ne fa un’icona jazz, un lampo di ironia, la curva di una attività politica intensa, simboleggiata nello strappo del manifesto. Voluto da Maroni o dall’artista? Lo strappo sta a raffigurare due personalità, una pubblica e l’altra più leggera che deve rimanere privata?

E che dire di Castiglioni? La leggerezza di un grande, di un grande vecchio, una persona felice, che si offre all’obiettivo, ma non ha bisogno di palcoscenici.

Come i grandi ritrattisti del passato, pensiamo a Holbein e a certi volti che sono vivi e attuali dopo secoli, Monzino con un click salva dall’oblìo della morte chi ha lasciato una traccia nel mondo. Non basta quello che hai fatto in vita: ci vuole un fotogramma, per l’eternità.

Gli altri lavori visuali:

Kind of faiths – di Fulvio Pellegrini

Kind of faiths – di Fulvio Pellegrini

In questa serie di ritratti ho cercato i caratteri distintivi di una possibile appartenenza religiosa. Il risultato uno sguardo discreto sul mondo religioso e sulle sue rappresentazioni esterne. Fulvio Pellegrini [gallery columns="1" size="full"...

Ponti – di Fulvio Pellegrini

Ponti – di Fulvio Pellegrini

Nel mio immaginario i ponti sono segmenti che uniscono, avvicinano danno continuità alle differenze. Sono anche una occasione di "pensare in grande" dell'uomo quando si rappresentano anche come una discontinuità tra paradigmi tecnologici. Ne sono affascinato e per...

La poesia del bianco e nero – di Massimo Cristiani

La poesia del bianco e nero – di Massimo Cristiani

  Come riuscire a rendere materia il bianco e nero, le sfumature di grigio prendono forma e creano corpi , fermi, ma che danno l’idea del movimento. Il chiaroscuro diventa il mezzo che esprime l’agire, che dà il via  a sensazioni e stati d’animo, che fornisce...

Reportage in Myanmar – di Tamara Cavallucci

Reportage in Myanmar – di Tamara Cavallucci

Oltre “Roma sull’acqua”, un’altra faccia del lavoro di Tamara Cavallucci, è rappresentata dai suoi reportage di viaggio che l’hanno portata in giro per il mondo. Uno dei più significativi è sicuramente quello in Myanmar. Luoghi, tradizioni e persone a cui è rimasta...

Arte & Fumetto. Matrimonio perfetto – di Filippo Romano

Arte & Fumetto. Matrimonio perfetto – di Filippo Romano

Il mio libro “Arte & Fumetto. Matrimonio perfetto” che sto preparando nasce da una mia vecchia passione per l’Arte (fotografia compresa) e dalla volontà di creare uno strumento un po’ ludico per far conoscere opere di autori non molto conosciuti.  Fin da ragazzo...

Roma sull’acqua –  di Tamara Cavallucci

Roma sull’acqua – di Tamara Cavallucci

”Roma sull’acqua”, la città vista da Tamara Cavallucci riflessa sul Tevere. Roma riflessa sul suo fiume, ma anche nelle sue fontane, nei suoi laghetti e nelle pozzanghere che si formano dopo la pioggia e fin nelle bolle di sapone. Un modo per esaltare i monumenti e le...

Condividi!

Condividi questo articolo!