Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Animas affartadas – Anime tristi

 

In navios de dolu prenos de disisperu

benint sos disterrados de fatu a su dugone,

su ‘endidore ‘e vidas,

…e lu pagant a pegus,

a lagrimas, a mojos,

a coronas nieddas de isciaos,

chi semper sunt sighinde

alenos de ispera,

lassandelu su jogu

chi mai ant connotu,

pinnettos de turmentu

ranzigos in tristuras,

e ojos de pitzinnos

falados prima ‘e s’ora

a tumbas iscurosas.

Bos connosco e non dudo,

animas affartadas,

simbitzantes a babbos,

a thios, a jajos

samben de logu nostru,

giompidos a sa mina

fritta de Marcinelle

pustis de una gherra

prus amarga ‘e sa gherra.

Bos connosco e mi ‘olet

s’anima cando miro

ca tenet dentes cruos su leone,

cuddu surtore d’eris

custu surtore ‘e oe.

Duncas non mudas pilu

fera chi alevosa,

cun nerbios de buzinu

indues a sa morte

cuddos cristos iscuros?

Lassa chi ‘enzat cras su raju solianu,

sa lantia ‘e sa fortuna

pro sos disamparados

carrales nostros,

frades de su chelu ‘e sa luna.

 

Su navi di dolore piene di sconforto

giungono gli esuli dietro il mercante crudele,

il venditore di vite,

… e lo pagano a capi,

a lacrime, a moggi,

con nere corone di schiavi

che seguono sempre

aliti di speranza,

lasciando il gioco

mai conosciuto,

capanne di tormento

consumate di tristezza,

e occhi di bambini

calati prima dell’ora

in tombe oscure.

Vi conosco e non dubito,

o anime tristi,

somiglianti ai padri,

agli zii, ai nonni,

sangue dei nostri luoghi,

arrivati alla miniera

fredda di Marcinelle

dopo una guerra

più amara della guerra.

Vi conosco, e mi duole

l’anima quando vedo

che ha denti crudi il leone,

il vampiro di ieri,

il vampiro di oggi.

Dunque non muti pelo

fiera, che malvagia,

con nerbi di aguzzino

spingi alla morte

quei cristi neri?

Lascia che venga domani un raggio di sole,

la lucerna della fortuna,

per i reietti

fratelli nostri,

fratelli del cielo della luna.

Eliano Cau

Leggi altre poesie:

“KIRILL” (Il fiore strappato)

Piange Kirill la mamma Ucraina le bombe hanno falciato Il fiore di una piccola contadina ha solo 18 mesi la creatura innocente che lei non potrà più accarezzare nel villaggio sempre più rovente Un massacro per un pugno di terra È senza fine questa guerra Sparano...

Along the way (Song for Gia)

Why don't you sleep at night You cannot find your light The road is the only one The only one that makes you fun   But I'm losing myself on you Along the way, everyday and what you say Is the truth   Lady, I'm lying about you And you feel so blue Surely you...

Tardiva Primavera

Gelido il vento per San Benedetto, azzurro il cielo, freddo come ai poli. Ancor lontani in terra africana i rondoni indugiano pensosi memori con le rondini sorelle della strage avvenuta un anno fa consumata dall’infuocata estate foriera di morte e infame siccità....

Incerta Primavera

Fosche nuvole annebbiano il tramonto in un cielo opprimente senza pioggia, coltre grigia di sabbia del Sahara che s’adagia sui tetti e per le vie parando a lutto paesi e contrade. Pianto straziante per l’immane strage perpetrata dai beffardi artigli del maligno e...

Dall’inferno della disumanità

La scellerata decisione di Putin era minacciosamente all’orizzonte. Si sperava, tuttavia, che il presidente della Federazione Russa non si sarebbe spinto fino ad invadere l’Ucraina, ma solo a minacciarla per ottenere l’incorporazione delle regioni ucraine di Donetsk e...

Ode per l’Ucraina

Il Dnepr è imbrattato dal rosso del sangue fino alla foce lontana; le eleganti ragazze di Kiev hanno lasciato tacchi a spillo e trousse, ora imbracciano un’arma automatica, senza perdere di grazia; nella piazza Maidan non più gente e clacson, ma posti di blocco,...

Condividi!

Condividi questo articolo!