Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Quattro tempi

1. Alòfili

Ci sono cose che non si capiscono appieno
che dentro alla propria carne.
[Emilio Cecchi, da Corse al trotto, 1952]

L’estremo canto: l’essere nel pigmento rosso
nel cuore, nella pupilla, nel seme, nella carne.
Nella verità futura; strazio pietoso senza fibra.

[Da Alla lettera erre, (Almanacco) Mondadori, 2011]

 

2. Cos’ è accaduto alla tua anima?

Per una foto di Seferis

 

Anche un’anima
se vuole conoscere se stessa
ad un’anima deve guardare
[Giorgos Seferis, da Argonauti, 1935]

Sì, cos’è accaduto alla tua anima quando hai attraversato
il cuore incupito di Maalula, tra rovine e roccia, tra occhi
folgorati da antri serpiginosi, fungine oscurità, uterini fragori,
luce abbagliata e solitaria?  C’è un dio che agita il mondo,
sommuove le ultime acque della pangea, riscalda i venti,
alimenta odio e amore con irte poesie, con vetrose parole.

Palermo, 2018

 

3. Saggio per cordofoni

«Oh bella Galatea, più soave
dei garofani che spezzò l’Aurora;
[Luis de Góngora, Favola di Polifemo e Galatea, 1612]

Per corde anatoliche vagolano montuose fibrille,
lambiscono di pulviscolo i cremosi retablos gaginiani.
Ora è appena un tatto per confini madoniti:
dolenti timbri di mandolini, dita per mandòle.
Lusinghiero s’inerpica l’odore di salvia: lacca
il portale cinquecentesco, gli offuscati parlatori,
sportelli ferrosi, schermi di fugate estasi, torvi
profili di suore, l’eco dei loro registri tiptologici.
Bussa, infine, un refolo d’Anatolia,
col suo flusso di plumbago sparso per sopite
passioni, per figure disperse, ingombre d’anni,
rancori, odî. L’orologio liso del campanile riceve,
improvviso, d’oltre l’Egeo, l’ombra tozza di Gálata:
ecco pungere, secco e profondo, su tappeti fossili
di nerinee, lo zoccolo coriaceo cavalcato da Europa,
le fiamme coralline tra mielati capelli di Nereidi,
e, contesa dal caliginoso Polifemo di turno,
la mano lattea, mortale, della donna giunta dal nord.

Petralia Sottana, 2018

 

4. Pleuston

Ecco, così mostriamo i nostri corpi,
galleggianti per onde lievi di acque,
gli uni agli altri aderenti, in umida
solitudine di sterpo, di organismo,
tutti della medesima stoffa.

Palermo, 2018
[Dalla raccolta inedita Dove non desidero andare]
Aldo Gerbino

Leggi altre poesie:

“KIRILL” (Il fiore strappato)

Piange Kirill la mamma Ucraina le bombe hanno falciato Il fiore di una piccola contadina ha solo 18 mesi la creatura innocente che lei non potrà più accarezzare nel villaggio sempre più rovente Un massacro per un pugno di terra È senza fine questa guerra Sparano...

Along the way (Song for Gia)

Why don't you sleep at night You cannot find your light The road is the only one The only one that makes you fun   But I'm losing myself on you Along the way, everyday and what you say Is the truth   Lady, I'm lying about you And you feel so blue Surely you...

Tardiva Primavera

Gelido il vento per San Benedetto, azzurro il cielo, freddo come ai poli. Ancor lontani in terra africana i rondoni indugiano pensosi memori con le rondini sorelle della strage avvenuta un anno fa consumata dall’infuocata estate foriera di morte e infame siccità....

Incerta Primavera

Fosche nuvole annebbiano il tramonto in un cielo opprimente senza pioggia, coltre grigia di sabbia del Sahara che s’adagia sui tetti e per le vie parando a lutto paesi e contrade. Pianto straziante per l’immane strage perpetrata dai beffardi artigli del maligno e...

Dall’inferno della disumanità

La scellerata decisione di Putin era minacciosamente all’orizzonte. Si sperava, tuttavia, che il presidente della Federazione Russa non si sarebbe spinto fino ad invadere l’Ucraina, ma solo a minacciarla per ottenere l’incorporazione delle regioni ucraine di Donetsk e...

Ode per l’Ucraina

Il Dnepr è imbrattato dal rosso del sangue fino alla foce lontana; le eleganti ragazze di Kiev hanno lasciato tacchi a spillo e trousse, ora imbracciano un’arma automatica, senza perdere di grazia; nella piazza Maidan non più gente e clacson, ma posti di blocco,...

Condividi!

Condividi questo articolo!