Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

L’ISOLA

Aspetta, non affrettarti a sbarcare sull’isola (1), tanto a lungo cercata sull’infinito orizzonte.

Chiediti prima cosa l’isola rappresenti per te: rifugio sicuro dalle tante tempeste o luogo di oblio?

Eea ed Ogigia: mai raggiunte per caso e tanto difficili da abbandonare. (2)

Ricordati dei tanti compagni, fratelli, figli che hai perso lungo la rotta, travolti da onde vorticose e da venti ululanti. (3)

Ricordati chi abita l’isola: Apatia ed  Atarassia ninfe gemelle, divine, encefalofaghe e bifronti: da un lato viso di donna bellissima e seducente, dall’altro muso di orribile mostro. (4)

Aspetta che la tua mente desiderosa di esperienza abbia percorso nuovi itinerari.

Invoca Pazienza, Perseveranza e Coraggio, gli dei tutelari per completare il tuo viaggio cosi faticoso.

Ricordati quale hai stabilito fosse la meta del tuo lungo peregrinare: la conoscenza più grande, l’armonia, l’equilibrio oppure
semplicemente l’ancora più ambiziosa conoscenza di te stesso.

Cosi l’isola, quando sarai sbarcato, ti si potrà rivelare troppo piccola o al contrario troppo grande.
Aspetta che Aurora, rosea figlia del Crepuscolo, illumini più volte e più volte ancora i tuoi occhi già carichi di esperienza.

Aspetta di aver completato i dovuti riti sacrificali agli dei, affinché ti forniscano il salvifico antidoto. (5)

Solo allora sarai pronto a sbarcare sull’isola.

 

*******

 

P.S. Questa notte parole in libertà attraversavano vorticosamente il mio cervello, come atomi impazziti, che compivano orbite irregolari, sbattendo ora qua ora la nella calotta cranica.

Ho trascorso la notte a catturare gli atomi, a metterli in fila per costruire molecole.

Al mattino presto il lavoro era ultimato e l’Isola aveva  assunto nella mia testa forma definitiva.

Come in tutte le poesie anche nell’Isola ognuno può “leggere” quello che preferisce, seguendo ciò che la propria sensibilità gli suggerisce.

Ho ritenuto opportuno aggiungere alcune note solo per spiegare quello che io ho “sentito” nello scriverla.

1 – L’Isola rappresenta la vecchiaia, intesa non come età anagrafica, ma come stato mentale

2 – Le isole di Circe e Calipso, contrariamente al racconto omerico, sono cercate dall’uomo stanco delle tante traversie, come riparo temporaneo. L’uomo giusto e ancora vigoroso deve trovare dentro di sé l’energia per fuggire dall’abbrutimento e riprendere il viaggio.

3 – Il ricordo delle perdite affettive deve essere lo stimolo per riprendere con più vigore il proprio

4 – Le due gemelle, divorando il tuo cervello, ti riducono a pura materia grezza, privandoti dell’essenza dell’umanità.

5 – Riti sacrificali, cioè i sacrifici quotidiani letti come percorso di purificazione (il salvifico antidoto), consentono all’uomo giusto di meritare, attraverso la salvezza del suo spirito, la vita eterna. Poco importa se essa si chiami Paradiso, Campi Elisi, Nirvana o quanto altro.

Ora, se vuoi, leggi di nuovo l’Isola.

Pino Pappalardo

Leggi altre poesie:

Tardiva Primavera

Gelido il vento per San Benedetto, azzurro il cielo, freddo come ai poli. Ancor lontani in terra africana i rondoni indugiano pensosi memori con le rondini sorelle della strage avvenuta un anno fa consumata dall’infuocata estate foriera di morte e infame siccità....

Incerta Primavera

Fosche nuvole annebbiano il tramonto in un cielo opprimente senza pioggia, coltre grigia di sabbia del Sahara che s’adagia sui tetti e per le vie parando a lutto paesi e contrade. Pianto straziante per l’immane strage perpetrata dai beffardi artigli del maligno e...

Dall’inferno della disumanità

La scellerata decisione di Putin era minacciosamente all’orizzonte. Si sperava, tuttavia, che il presidente della Federazione Russa non si sarebbe spinto fino ad invadere l’Ucraina, ma solo a minacciarla per ottenere l’incorporazione delle regioni ucraine di Donetsk e...

Ode per l’Ucraina

Il Dnepr è imbrattato dal rosso del sangue fino alla foce lontana; le eleganti ragazze di Kiev hanno lasciato tacchi a spillo e trousse, ora imbracciano un’arma automatica, senza perdere di grazia; nella piazza Maidan non più gente e clacson, ma posti di blocco,...

Ucraina: sarà triste la nostra Pasqua

Le radici del male sprofondano negli oscuri abissi infernali: è questa la certezza che emerge dall’aggressione selvaggia di Putin, che punta ormai al genocidio del popolo ucraino. Soffre terribilmente l’Ucraina, devastata e distrutta dal satanico despota e dai suoi...

Ti vesti di verde

Voli via con i tuoi reggiseni implorando pazzia   Ti vesti di verde dentro ad un pomeriggio che con te si perde   Mi piace guardare il tuo letto pensando all’erba bruciata e poi soffia sempre quel vento sull'orlo di una sera scoppiata   Mi dici che da...

Condividi!

Condividi questo articolo!