Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Natale, ieri, oggi, domani

Costante il freddo sibilo del vento

penetrante nei polsi e nelle vene

mentre Venere pulsa ad occidente

richiamo d’intensa luminosità

cosmico appello al divino evento

che i secoli mai cancelleranno.

 

Per le vie deserte profumate

si diffondono effluvi di biscotti

mandorlati e torroncini al miele

sapori di vacanze di Natale

delizia di fanciulli allietati

dal calore del desco familiare.

 

Nei volti della gente sorridente

spaziano sentimenti di pienezza

slanci di fratellanza travolgenti

che l’irruzione gelida invernale

muta in sogno di pace e d’amore

nei cuori conquistati alla speranza.

 

La gioia smarrita nell’inutile

vacua routine di quotidianità

nemica di bellezza e conoscenza

di stupore e di fame d’infinito

d’eterna e illimitata libertà

torna con le campane risonanti.

 

Ardito intraprendi il buon cammino

ch’è disperso in mille ciechi vicoli

in mille impegni e in mille narcisismi

in mille tradimenti dell’umano

per seguire la stella che splendette

per aprire il sentiero della Vita.

 

Bando al nulla che avanza annichilendo

il pensiero che in rivoli inquinati

sperde la meraviglia dell’essenza

che Dio gli diede nella Sua grandezza.

In vuote sacche d’ombre si consuma

sterile sfoggio d’edonismo amaro.

 

Non vedi che la libera coscienza

ti chiama ad alte e nobili intraprese

a cercare con rinnovato impegno

la stalla ove rifulse la speranza

là dove sorse il senso del creato

e la morte accettò la sua sconfitta?

 

Ancora oggi il bue e l’asinello

assistono Maria col Bambino

e con Giuseppe padre putativo

nella grotta che odora santità.

Ieri oggi e sempre Gesù Cristo

unica via veritas et vita.

 

Figlio prediletto dell’Altissimo,

uomo-Dio per le vie del mondo

col sacrificio estremo sulla croce

della salvezza il cammino spiana

elevando la creatura umana

al livello del Creator divino.

 

Ancor oggi nel secolo ventuno

Natale interpella più che mai

chi coltiva sogni di totalità.

Angelo Fortuna

Leggi altre poesie:

Ti vesti di verde

Voli via con i tuoi reggiseni implorando pazzia   Ti vesti di verde dentro ad un pomeriggio che con te si perde   Mi piace guardare il tuo letto pensando all’erba bruciata e poi soffia sempre quel vento sull'orlo di una sera scoppiata   Mi dici che da...

Onda su onda

“Vi ucciderò con l’onda” disse il vecchio nascosto nella pelle di cenci, il ghigno sbilenco, lo sguardo vuoto, rivolto al bimbo che spaurito guardava il padre. “Cos’è l’onda, papà?”. “L’onda va e viene.” rispose il padre, prendendolo per mano. La mano così piccola e...

È fragile negli occhi di chi ascolta

Due canzoni di Stefano Migneco Nato a Roma il 18 maggio 1992, Stefano Migneco è un chitarrista e cantautore. Insegna chitarra acustica, si dedica all'attività live e pubblica i suoi brani per La Bottega Dell'Autore. Ginevra Se nessuno ti ha mai fatto bella in una...

Mare        

Ho negli occhi il mare, la sua spuma, il colore cangiante, l’orizzonte indefinito. Avverto il profumo salmastro penetrare i pori della pelle, espandendosi lentamente.   Ascolto, come fosse ora, il frangersi delle onde sugli scogli, il rombo del vento: ho nel...

Buco nero

(Dedicata a S. Hawking)   Pericolosamente mi sono avvicinato all’orizzonte degli eventi, senza scorgerlo, senza prevederlo; incosciente come un bimbo felice che non pensa al suo destino. Ero certo di governare bene la traiettoria, ogni segnale di pericolo era...

L’ISOLA

Aspetta, non affrettarti a sbarcare sull’isola (1), tanto a lungo cercata sull’infinito orizzonte. Chiediti prima cosa l’isola rappresenti per te: rifugio sicuro dalle tante tempeste o luogo di oblio? Eea ed Ogigia: mai raggiunte per caso e tanto difficili da...

Condividi!

Condividi questo articolo!