Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Natale, ieri, oggi, domani

Costante il freddo sibilo del vento

penetrante nei polsi e nelle vene

mentre Venere pulsa ad occidente

richiamo d’intensa luminosità

cosmico appello al divino evento

che i secoli mai cancelleranno.

 

Per le vie deserte profumate

si diffondono effluvi di biscotti

mandorlati e torroncini al miele

sapori di vacanze di Natale

delizia di fanciulli allietati

dal calore del desco familiare.

 

Nei volti della gente sorridente

spaziano sentimenti di pienezza

slanci di fratellanza travolgenti

che l’irruzione gelida invernale

muta in sogno di pace e d’amore

nei cuori conquistati alla speranza.

 

La gioia smarrita nell’inutile

vacua routine di quotidianità

nemica di bellezza e conoscenza

di stupore e di fame d’infinito

d’eterna e illimitata libertà

torna con le campane risonanti.

 

Ardito intraprendi il buon cammino

ch’è disperso in mille ciechi vicoli

in mille impegni e in mille narcisismi

in mille tradimenti dell’umano

per seguire la stella che splendette

per aprire il sentiero della Vita.

 

Bando al nulla che avanza annichilendo

il pensiero che in rivoli inquinati

sperde la meraviglia dell’essenza

che Dio gli diede nella Sua grandezza.

In vuote sacche d’ombre si consuma

sterile sfoggio d’edonismo amaro.

 

Non vedi che la libera coscienza

ti chiama ad alte e nobili intraprese

a cercare con rinnovato impegno

la stalla ove rifulse la speranza

là dove sorse il senso del creato

e la morte accettò la sua sconfitta?

 

Ancora oggi il bue e l’asinello

assistono Maria col Bambino

e con Giuseppe padre putativo

nella grotta che odora santità.

Ieri oggi e sempre Gesù Cristo

unica via veritas et vita.

 

Figlio prediletto dell’Altissimo,

uomo-Dio per le vie del mondo

col sacrificio estremo sulla croce

della salvezza il cammino spiana

elevando la creatura umana

al livello del Creator divino.

 

Ancor oggi nel secolo ventuno

Natale interpella più che mai

chi coltiva sogni di totalità.

Angelo Fortuna

Leggi altre poesie:

“KIRILL” (Il fiore strappato)

Piange Kirill la mamma Ucraina le bombe hanno falciato Il fiore di una piccola contadina ha solo 18 mesi la creatura innocente che lei non potrà più accarezzare nel villaggio sempre più rovente Un massacro per un pugno di terra È senza fine questa guerra Sparano...

Along the way (Song for Gia)

Why don't you sleep at night You cannot find your light The road is the only one The only one that makes you fun   But I'm losing myself on you Along the way, everyday and what you say Is the truth   Lady, I'm lying about you And you feel so blue Surely you...

Tardiva Primavera

Gelido il vento per San Benedetto, azzurro il cielo, freddo come ai poli. Ancor lontani in terra africana i rondoni indugiano pensosi memori con le rondini sorelle della strage avvenuta un anno fa consumata dall’infuocata estate foriera di morte e infame siccità....

Incerta Primavera

Fosche nuvole annebbiano il tramonto in un cielo opprimente senza pioggia, coltre grigia di sabbia del Sahara che s’adagia sui tetti e per le vie parando a lutto paesi e contrade. Pianto straziante per l’immane strage perpetrata dai beffardi artigli del maligno e...

Dall’inferno della disumanità

La scellerata decisione di Putin era minacciosamente all’orizzonte. Si sperava, tuttavia, che il presidente della Federazione Russa non si sarebbe spinto fino ad invadere l’Ucraina, ma solo a minacciarla per ottenere l’incorporazione delle regioni ucraine di Donetsk e...

Ode per l’Ucraina

Il Dnepr è imbrattato dal rosso del sangue fino alla foce lontana; le eleganti ragazze di Kiev hanno lasciato tacchi a spillo e trousse, ora imbracciano un’arma automatica, senza perdere di grazia; nella piazza Maidan non più gente e clacson, ma posti di blocco,...

Condividi!

Condividi questo articolo!