Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Onda su onda

“Vi ucciderò con l’onda”

disse il vecchio

nascosto nella pelle di cenci,

il ghigno sbilenco,

lo sguardo vuoto,

rivolto al bimbo

che spaurito

guardava il padre.

“Cos’è l’onda, papà?”.

“L’onda va e viene.”

rispose il padre,

prendendolo per mano.

La mano così piccola

e tenera nella sua,

malinconica e forte,

gli rammentò che il bambino

non conosceva l’’onda.

E allora lo coprì

con cappello e sciarpa

e, via, si va alla stazione,

si salta sul treno.

Attraverso colline e monti

giunsero in vista del mare.

“Guarda, figlio, che bello.

Ecco, il mare è fatto di onde.”

“Ma allora morirò!”

disse il bambino,

gli occhi spalancati.

“No, piccolo, no

l’’onda non uccide

se la lasci andare e venire.”

“Ma quell’’uomo, allora..?”

“Quell’’uomo non è stato amato.”

“Parli difficile, papà.”

“No, se ascolti invece di sentire.”

Giunti sulla riva,

il piccolo sentì il rumore

calmo dell’’acqua

un andare e venire,

battere e levare,

dire e non dire.

E capì l’onda che va e torna.

Tanta dolcezza

non poteva fare del male,

pensò, si tolse le scarpe

e si avvicinò all’’acqua,

che si muoveva

come l’’azzurro

degli occhi del padre,

che luccicavano nel sole.

Si bagnò i piedi

e sentì il fresco

che gli accarezzava le caviglie.

“E’ questa l’’onda, papà??”

“Questa è l’’onda che si tocca.”

“Parli difficile di nuovo.”

Non rispose, il padre,

l’azzurro degli occhi perso

in pensieri vuoti

e prese a camminare,

cercando il ritmo

del suo dolore.

Vide, il bambino, un’ombra grigia

che accompagnava il padre

e pensò che sarebbe stato bello

dipingerla di giallo, come il sole,

che si specchiava nel crespo del mare.

Gli scivolò accanto e lo toccò:

“Hai un’onda triste, papà?”

Con distratto affetto

il padre lo carezzò e disse

“Ora conosci l’’onda che non si tocca.

Va e viene: non temerla.”

Tacque e riprese a scrutare altrove,

cercando il tempo dell’anima

nel moto del mare.

Giulia Perri

Leggi altre poesie:

Ti vesti di verde

Voli via con i tuoi reggiseni implorando pazzia   Ti vesti di verde dentro ad un pomeriggio che con te si perde   Mi piace guardare il tuo letto pensando all’erba bruciata e poi soffia sempre quel vento sull'orlo di una sera scoppiata   Mi dici che da...

Natale, ieri, oggi, domani

Costante il freddo sibilo del vento penetrante nei polsi e nelle vene mentre Venere pulsa ad occidente richiamo d’intensa luminosità cosmico appello al divino evento che i secoli mai cancelleranno.   Per le vie deserte profumate si diffondono effluvi di biscotti...

È fragile negli occhi di chi ascolta

Due canzoni di Stefano Migneco Nato a Roma il 18 maggio 1992, Stefano Migneco è un chitarrista e cantautore. Insegna chitarra acustica, si dedica all'attività live e pubblica i suoi brani per La Bottega Dell'Autore. Ginevra Se nessuno ti ha mai fatto bella in una...

Mare        

Ho negli occhi il mare, la sua spuma, il colore cangiante, l’orizzonte indefinito. Avverto il profumo salmastro penetrare i pori della pelle, espandendosi lentamente.   Ascolto, come fosse ora, il frangersi delle onde sugli scogli, il rombo del vento: ho nel...

Buco nero

(Dedicata a S. Hawking)   Pericolosamente mi sono avvicinato all’orizzonte degli eventi, senza scorgerlo, senza prevederlo; incosciente come un bimbo felice che non pensa al suo destino. Ero certo di governare bene la traiettoria, ogni segnale di pericolo era...

L’ISOLA

Aspetta, non affrettarti a sbarcare sull’isola (1), tanto a lungo cercata sull’infinito orizzonte. Chiediti prima cosa l’isola rappresenti per te: rifugio sicuro dalle tante tempeste o luogo di oblio? Eea ed Ogigia: mai raggiunte per caso e tanto difficili da...

Condividi!

Condividi questo articolo!