Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Incerta Primavera

Fosche nuvole annebbiano il tramonto

in un cielo opprimente senza pioggia,

coltre grigia di sabbia del Sahara

che s’adagia sui tetti e per le vie

parando a lutto paesi e contrade.

Pianto straziante per l’immane strage

perpetrata dai beffardi artigli

del maligno e bieco sterminatore

di donne, bimbi e uomini ucraini.

 

Improvviso nel buio che avanza

si fa luce uno spiraglio d’azzurro

che scioglie i volti ad un lieve sorriso

allor ch’ali possenti di rondoni

tanto inattesi quanto bramati

annunciano il ritorno sospirato

dell’avanguardia della Primavera.

 

Nello spazio solo tre volatili,

inviati in insidiosa avanscoperta,

disegnano ampi cerchi all’imbrunire

prima del rientro al loro nido

donde partirono l’angoscia in cuore.

Sopravvissuti alla strage di giugno

in un giorno d’estate all’orizzonte

si persero verso lontane mete.

 

Nella lunga marina trasvolata

rividero con gli occhi del pensiero

le migliaia di fratelli stroncati

dal fuoco ardente d’una lunga estate

che mai memoria umana registrò,

devastazione e morte seminando

tra gli animatori dell’atmosfera

limpida e gaia della Primavera.

 

Solo due giorni dopo i primi arrivi

nei cieli antichi dei progenitori

ecco l’afflusso di piccoli stormi

con garriti di rondini e rondoni

che rallegrano i giochi dei fanciulli

nelle piazze e nei pubblici giardini.

La primavera finalmente esplode

con mille fiori e tiepido calore

animata dalla presenza viva

e sfolgorante dei passeriformi

simbolo prezioso e prediletto

di libertà ed eterno ritorno.

 

Eppure, mentre il volo poderoso

dei rondoni meditabondo ammiro,

il pensiero liberamente vola

al massacro che Satana ha disposto

contro un popolo forte e generoso

tanto innocente quanto sventurato

per cui invochiamo pace e libertà.

Angelo Fortuna

Leggi altre poesie:

Un paese diverso – Інша країна

Ancora ieri avevamo una vita... Il consueto cielo ucraino, Caffè, pensieri semplici sull’avvenire, Litigi familiari, salici in primavera...   Invece oggi sembra il deliquio... Lo stesso cielo ucraino, Ma non esiste più la vita di prima, Sono già altri...

Dualità

Non tutte le variabili sono note, interferenze distruttive cancellano presunte certezze, inganni della mente. Non possiamo sapere come evolverà il domani, neppure riusciamo a capire come si concluderà questa giornata; le soluzioni variano e si confondono. Impariamo a...

Chi?

Chi pronuncia le parole ripetute dell’eco, chi sceglie, sempre diverse, le scie dei tramonti, chi gioca con i miei sentimenti in altalena, chi agita l’acqua del mare finché l’onda nasce?

Giorni di pandemia

Da anni sono un po’ invidioso dei miei sogni colorati e realistici. Mi piacerebbe sapere quale cellula o processo chimico riesce a fare la regia di storie complesse e ingarbugliate, a volte credibili, altre fantasiose e sfumate, spesso collegate a viaggi già fatti o...

Apprendere e comprendere

Nulla è facile, nulla scontato, ma il gioco della vita merita di essere giocato giorno per giorno, ora per ora; dimenticando gli ostacoli e le sconfitte che hanno fatto penare, concentrando la mente sul costruire il domani. Bisogna essere curiosi di apprendere e...

“KIRILL” (Il fiore strappato)

Piange Kirill la mamma Ucraina le bombe hanno falciato Il fiore di una piccola contadina ha solo 18 mesi la creatura innocente che lei non potrà più accarezzare nel villaggio sempre più rovente Un massacro per un pugno di terra È senza fine questa guerra Sparano...

Condividi!

Condividi questo articolo!