Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Giorni di pandemia

Da anni sono un po’ invidioso

dei miei sogni colorati e realistici.

Mi piacerebbe sapere quale cellula

o processo chimico riesce a fare

la regia di storie complesse

e ingarbugliate, a volte credibili,

altre fantasiose e sfumate,

spesso collegate a viaggi

già fatti o da fare, ma sempre

situazioni piacevoli e interessanti.

Stanotte sono atterrato al Cuzco

e sentivo un po’ di mal di altura,

mentre già fantasticavo le città Inca.

Vorrei scambiare davvero questo

e gli altri sogni avventurosi

che fatico a trattenere al risveglio,

con questi giorni silenziosi e identici

a loro stessi, pieni di angoscia scura

ascoltando le sirene delle autoambulanze

che sfrecciano nelle vie deserte.

Pietro Ragni

Leggi altre poesie:

Apprendere e comprendere

Nulla è facile, nulla scontato, ma il gioco della vita merita di essere giocato giorno per giorno, ora per ora; dimenticando gli ostacoli e le sconfitte che hanno fatto penare, concentrando la mente sul costruire il domani. Bisogna essere curiosi di apprendere e...

“KIRILL” (Il fiore strappato)

Piange Kirill la mamma Ucraina le bombe hanno falciato Il fiore di una piccola contadina ha solo 18 mesi la creatura innocente che lei non potrà più accarezzare nel villaggio sempre più rovente Un massacro per un pugno di terra È senza fine questa guerra Sparano...

Along the way (Song for Gia)

Why don't you sleep at night You cannot find your light The road is the only one The only one that makes you fun   But I'm losing myself on you Along the way, everyday and what you say Is the truth   Lady, I'm lying about you And you feel so blue Surely you...

Tardiva Primavera

Gelido il vento per San Benedetto, azzurro il cielo, freddo come ai poli. Ancor lontani in terra africana i rondoni indugiano pensosi memori con le rondini sorelle della strage avvenuta un anno fa consumata dall’infuocata estate foriera di morte e infame siccità....

Incerta Primavera

Fosche nuvole annebbiano il tramonto in un cielo opprimente senza pioggia, coltre grigia di sabbia del Sahara che s’adagia sui tetti e per le vie parando a lutto paesi e contrade. Pianto straziante per l’immane strage perpetrata dai beffardi artigli del maligno e...

Dall’inferno della disumanità

La scellerata decisione di Putin era minacciosamente all’orizzonte. Si sperava, tuttavia, che il presidente della Federazione Russa non si sarebbe spinto fino ad invadere l’Ucraina, ma solo a minacciarla per ottenere l’incorporazione delle regioni ucraine di Donetsk e...

Condividi!

Condividi questo articolo!