Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Ucraina: sarà triste la nostra Pasqua

Le radici del male sprofondano negli oscuri abissi infernali: è questa la certezza che emerge dall’aggressione selvaggia di Putin, che punta ormai al genocidio del popolo ucraino. Soffre terribilmente l’Ucraina, devastata e distrutta dal satanico despota e dai suoi sgherri disumani e crudeli. Ma soffre pure ogni persona umana che, in ogni parte del mondo, conosce e vive i valori di pace e fratellanza universale.

Civili inermi in fosse comuni,

a freddo martoriati da soldati

che ogni traccia d’umana dignità

hanno smarrito assoggettati al ghigno

del turpe despota sguardo di ghiaccio,

giacciono inerti, fango nelle bocche

che un dì lontano perso ormai nel nulla

sorrisero alla vita e all’amore.

 

Nenie dolenti d’eccidi nefandi

sparse da gelidi soffi di vento

e lamenti di sperduti fanciulli

percorrono i monti e le pianure

di un Paese addentato dall’odio

e feroce empietà d’un malfattore

che la patria di Tolstoj e Dostoevskij

ha macchiato di abietta crudeltà.

 

E tuttavia sotto l’infuriare

degli orrori di missili e di bombe

nell’Ucraina piagata dal male

che celebra venefici trionfi

ritorna in un ancora incerto aprile

la Settimana della Redenzione

col dramma rinnovato del calvario

con Cristo morto e poi resuscitato.

 

Attoniti dinanzi al genocidio

che la stirpe canaglia di Caino

consuma contro il popolo ucraino,

con gli occhi orientati alla riscossa

miriamo alla croce che sul Golgota

precedette la gloria del Risorto,

sole perenne che non tramonta mai,

porta spalancata alla salvezza.

 

Se smarrita è ogni via di scampo

Pasqua ritorna a rallegrare i cuori

con l’arrivo del giorno tanto atteso

dell’abbraccio gioioso di Maria

che stringe il Figlio perso e ritrovato.

Icona luminosa di riscatto,

di pace e di perdono sconfinato,

liberazione dalle perversità

offerta ai peggiori malfattori,

ma solo se all’amore convertiti.

 

La campane che suoneranno a festa

per annunciare al mondo “Resurrexit”

toccheranno la coscienza del mostro

già sprofondato negli oscuri abissi

con i suoi accoliti sacrileghi

assassini di martiri innocenti?

Miracolo per la famiglia umana

o trionfo maligno di barbarie?

Tetro sfracello nel baratro del nulla?

Verde speranza d’amore e salvezza?

 

Angelo Fortuna

Leggi altre poesie:

“KIRILL” (Il fiore strappato)

Piange Kirill la mamma Ucraina le bombe hanno falciato Il fiore di una piccola contadina ha solo 18 mesi la creatura innocente che lei non potrà più accarezzare nel villaggio sempre più rovente Un massacro per un pugno di terra È senza fine questa guerra Sparano...

Along the way (Song for Gia)

Why don't you sleep at night You cannot find your light The road is the only one The only one that makes you fun   But I'm losing myself on you Along the way, everyday and what you say Is the truth   Lady, I'm lying about you And you feel so blue Surely you...

Tardiva Primavera

Gelido il vento per San Benedetto, azzurro il cielo, freddo come ai poli. Ancor lontani in terra africana i rondoni indugiano pensosi memori con le rondini sorelle della strage avvenuta un anno fa consumata dall’infuocata estate foriera di morte e infame siccità....

Incerta Primavera

Fosche nuvole annebbiano il tramonto in un cielo opprimente senza pioggia, coltre grigia di sabbia del Sahara che s’adagia sui tetti e per le vie parando a lutto paesi e contrade. Pianto straziante per l’immane strage perpetrata dai beffardi artigli del maligno e...

Dall’inferno della disumanità

La scellerata decisione di Putin era minacciosamente all’orizzonte. Si sperava, tuttavia, che il presidente della Federazione Russa non si sarebbe spinto fino ad invadere l’Ucraina, ma solo a minacciarla per ottenere l’incorporazione delle regioni ucraine di Donetsk e...

Ode per l’Ucraina

Il Dnepr è imbrattato dal rosso del sangue fino alla foce lontana; le eleganti ragazze di Kiev hanno lasciato tacchi a spillo e trousse, ora imbracciano un’arma automatica, senza perdere di grazia; nella piazza Maidan non più gente e clacson, ma posti di blocco,...

Condividi!

Condividi questo articolo!