Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

Ucraina: sarà triste la nostra Pasqua

Le radici del male sprofondano negli oscuri abissi infernali: è questa la certezza che emerge dall’aggressione selvaggia di Putin, che punta ormai al genocidio del popolo ucraino. Soffre terribilmente l’Ucraina, devastata e distrutta dal satanico despota e dai suoi sgherri disumani e crudeli. Ma soffre pure ogni persona umana che, in ogni parte del mondo, conosce e vive i valori di pace e fratellanza universale.

Civili inermi in fosse comuni,

a freddo martoriati da soldati

che ogni traccia d’umana dignità

hanno smarrito assoggettati al ghigno

del turpe despota sguardo di ghiaccio,

giacciono inerti, fango nelle bocche

che un dì lontano perso ormai nel nulla

sorrisero alla vita e all’amore.

 

Nenie dolenti d’eccidi nefandi

sparse da gelidi soffi di vento

e lamenti di sperduti fanciulli

percorrono i monti e le pianure

di un Paese addentato dall’odio

e feroce empietà d’un malfattore

che la patria di Tolstoj e Dostoevskij

ha macchiato di abietta crudeltà.

 

E tuttavia sotto l’infuriare

degli orrori di missili e di bombe

nell’Ucraina piagata dal male

che celebra venefici trionfi

ritorna in un ancora incerto aprile

la Settimana della Redenzione

col dramma rinnovato del calvario

con Cristo morto e poi resuscitato.

 

Attoniti dinanzi al genocidio

che la stirpe canaglia di Caino

consuma contro il popolo ucraino,

con gli occhi orientati alla riscossa

miriamo alla croce che sul Golgota

precedette la gloria del Risorto,

sole perenne che non tramonta mai,

porta spalancata alla salvezza.

 

Se smarrita è ogni via di scampo

Pasqua ritorna a rallegrare i cuori

con l’arrivo del giorno tanto atteso

dell’abbraccio gioioso di Maria

che stringe il Figlio perso e ritrovato.

Icona luminosa di riscatto,

di pace e di perdono sconfinato,

liberazione dalle perversità

offerta ai peggiori malfattori,

ma solo se all’amore convertiti.

 

La campane che suoneranno a festa

per annunciare al mondo “Resurrexit”

toccheranno la coscienza del mostro

già sprofondato negli oscuri abissi

con i suoi accoliti sacrileghi

assassini di martiri innocenti?

Miracolo per la famiglia umana

o trionfo maligno di barbarie?

Tetro sfracello nel baratro del nulla?

Verde speranza d’amore e salvezza?

 

Angelo Fortuna

Leggi altre poesie:

Schegge poetiche da Kiev

SCRIVO SEMPRE MENO… Scrivo sempre meno, cancello più spesso Evitando di mettere una drastica fine. Mi sgretolo dentro, il motivo è questo, Che il mio dolore è un verbo maschile. Interrompo il grido, incapace di piangere, Il mio corpo è solcato come roccia dal vento,...

Sonni e sogni

Dormono le grandi catene dei monti, gli strapiombi e le vallate, gli inariditi letti dei torrenti; non dormo io con il cuore in fiamme, trattengo il respiro, silenzioso nei tormenti.   Riposano stambecchi e daini appoggiati alle rocce, i serpenti avvolti sul ramo...

Non è mattino

Manca poco all’alba, piccole formiche vanno affannate fra scaglie di fango e foglie riarse; la carezza del vento le ostacola, senza turbare il silenzio profondo di cui si nutrono fili d’erba e alberi.   L’azzurro compare finalmente ed impallidisce le stelle; in...

Un paese diverso – Інша країна

Ancora ieri avevamo una vita... Il consueto cielo ucraino, Caffè, pensieri semplici sull’avvenire, Litigi familiari, salici in primavera...   Invece oggi sembra il deliquio... Lo stesso cielo ucraino, Ma non esiste più la vita di prima, Sono già altri...

Dualità

Non tutte le variabili sono note, interferenze distruttive cancellano presunte certezze, inganni della mente. Non possiamo sapere come evolverà il domani, neppure riusciamo a capire come si concluderà questa giornata; le soluzioni variano e si confondono. Impariamo a...

Chi?

Chi pronuncia le parole ripetute dell’eco, chi sceglie, sempre diverse, le scie dei tramonti, chi gioca con i miei sentimenti in altalena, chi agita l’acqua del mare finché l’onda nasce?

Condividi!

Condividi questo articolo!